Crea sito

Primavera…

By  | Marzo 21, 2019 | Filed under: Notiziario

Prossimamente, da non perdere:
Sabato 30 Marzo Grand Prix semilampo al Circolo ore 14,45

5-7 aprile: XXII edizione torneo Primavera Novotel iscrizioni su VESUS

A TORINO E A SANTA MARGHERITA I RISULTATI DELLE SEI SQUADRE DEL CENTURINI NEL CAMPIONATO A SQUADRE 

VINCENZO MANFREDI MAESTRO FIDE

Nel week end 15-17 marzo si sono svolti i raggruppamenti del campionato italiano a squadre. Erano ben sei le squadre del Circolo impegnate, una a Torino in serie A2, presso la sede della Scacchistica Torinese, e cinque a Santa Margherita, dove si è giocato nella palestra dell’istituto scolastico comprensivo in via Generale Liuzzi, per l’organizzazione del Circolo di Santa Margherita.
A Torino, dove la squadra è arrivata seconda in classifica dopo avere lottato fino all’ultimo per la promozione, arrivano belle notizie: dopo le prime due partite, vinte, Vincenzo Manfredi raggiunge quota 2300 di rating fide, certificato dall’arbitro del torneo Ricca. La documentazione è stata spedita alla Fide per la ratifica ed entro un mese, o due, vi sarà la consacrazione ufficiale di un titolo che Vincenzo ha sicuramente meritato.
Cosa è successo invece a Santa Margherita? Una squadra nel troppo forte girone di serie B (vinto da Cuneo) retrocede, come nelle previsioni; un’altra in serie C centra l’obiettivo della salvezza, sia pure con un pizzico di fortuna, mentre note molto positive giungono dalle tre formazioni del Circolo  in Promozione Liguria. Una di esse (Lanzavecchia, Caridi, Barbero, capitan Calà, Dordoni, Sabba, Pumilia) giunge seconda nel suo girone e viene promossa alla serie superiore. Nell’altro girone ligure, le due squadre dirette da Davide Cusato, che schiera giocatori  esperti insieme a giovanissime promesse, si comportano molto bene, e una giunge terza, sfiorando la promozione.  Ragazzi battaglieri, che evidentemente incutono paura ad alcuni avversari adulti, che non riescono a nascondere il loro disagio.
Come sempre, buona l’organizzazione complessiva, ormai il raggruppamento di Santa Margherita è la principale manifestazione ligure di scacchi, e per questo dobbiamo ringraziare Piero Grassi e tutto lo staff organizzativo.

Promossi e retrocessi
In serie B girone 2 ha vinto la compagine del Libraio di Cuneo, che viene promossa alla serie A2.
In serie C nel Girone 3 ha vinto Genova Ponente 1 (promossa alla serie B) e nel girone 4 La Spezia 2 (promossa alla serie B).
Nel Girone di Promozione Liguria 1 ha vinto La Sammargheritese 2 (promossa alla serie C) e nel Girone 2 ha vinto invece Genova Ponente 3 (promossa alla serie C). Risultano promosse alla serie C anche le seconde classificate dei due gironi: Centurini E e La Spezia 3.

IL COMMENTO DI GRASSI
Piero Grassi, del Circolo organizzatore, a commento della manifestazione, dichiara che “anche quest’anno siamo arrivati in fondo… qualche partecipante in meno rispetto alle passate edizioni per alcune defezioni dell’ultimo minuto e grazie ai soliti “buoni uffici” di qualche gran burattinaio (o aspirante tale), ma a noi va comunque bene cosi…siamo convinti che prima o poi ogni cosa andrà al suo posto e attendiamo con pazienza sulla riva del fiume”, dice sorridendo, togliendosi qualche sassolino dalla scarpa.
Detto questo – prosegue – veniamo alle cose importanti. Giocatori corretti …arbitri preparati, clima sereno e festoso (sia per chi ha vinto…ma anche chi ha perso ). Un organizzatore non potrebbe desiderare di più. Ringrazio pertanto tutti i partecipanti per aver voluto scegliere Santa Margherita e gli arbitri che hanno diretto la manifestazione. Un grazie anche all’Amministrazione Comunale e alla Delegazione Ligure Scacchi (senza la loro preziosa collaborazione tutto questo non si sarebbe potuto svolgere).

E QUELLO DI MOLINA
La prima squadra del Centurini era impegnata nell’importante trasferta di Torino in serie A2, dove schierava Flavio Guido, Martin Kreuzer, Vincenzo Manfredi, Michele Mollero e naturalmente il capitano Fabrizio Molina, che al termine del torneo ci racconta: “Abbiamo fatto del nostro meglio, arrivare secondi non è un disastro, ma siamo andati meglio dell’anno scorso: allora abbiamo fatto un torneo di rincorsa, qui invece siamo partiti in testa giocandocela fino alla fine, alla fine perso con Bologna lo scontro decisivo, anche se gli avversari potevano essere alla nostra portata”.
Molina non nasconde la sua soddisfazione per il titolo di maestro fide che Manfredi ha raggiunto nel corso del torneo. “Vincenzo Manfredi è molto migliorato e lo si è visto, ma deve giocare più, fare più tornei per esprimere tutto il suo potenziale”.
Altra nota positiva, Flavio Guido, che è tornato a giocare praticamente dopo un anno, ma ha dimostrato ancora una volta tutto il suo valore. Le parole lusinghiere di Molina: “Flavio ha perso la prima, era un po’ demoralizzato dopo la sconfitta , ma poi il mattino dopo ha fatto una bella partita pattando con un GM. Poi ne ha vinte tre di fila. Io ero sicuro su di lui, perché quando uno sa giocare a scacchi… Quello di Torino era il vero Flavio Guido, giocava in sicurezza, è veramente un patrimonio dello scacchismo genovese, gli scacchi li conosce meglio di tutti in Liguria, è uno che potrebbe spiegare a tanti, me per primo, come si gioca a scacchi”.


Un altro punto fisso della squadra è stato ancora una volta Kreuzer.
“Martin è andato bene” – commenta ancora Molina – “ha ritrovato la sua solidità, giocava in terza scacchiera, un po’ meno impegnativa rispetto agli altri anni, ma lui ha sempre un ottimo, serio approccio, con gli scacchi, ha giocato meglio dell’anno scorso. Alla fine è rimasto l’unico imbattuto, era molto contento quando è andato via”.
Altro giocatore del team Mollero, che ha confermato alla Torinese il suo valore. Naturalmente a questa panoramica noi aggiungiamo il capitano Molina, per le sue doti, che abbiamo sempre apprezzato, sia come giocatore che come capitano.

“Per il futuro” – dice ancora Fabrizio – “possiamo contare su altre risorse importanti, a cominciare da Daniele Cantoro, che è molto motivato e che l’anno scorso è andato molto bene”.
Abbiamo chiesto a Fabrizio se verrà a giocare al prossimo torneo Primavera di Genova: “Mi piacerebbe giocare il prossimo torneo al Novotel di aprile, lo faccio sempre volentieri, dipende dal lavoro. Io e l’amico Di Paolo siamo gli unici due ad averlo vinto tre volte, vorrei vincerlo una quarta volta…” Insomma, la sfida è lanciata.

Classifica girone Serie A2 (Torino)
1 – C.s.b. I Virtuosi 9 (14.0)
2 – Centurini A 7 (12.0)
3 – Ss Torinese A 7 (11.0)
4 – Ss Torinese B 4 (8.0)
5 – Valle Mosso 2 (8.5)
6 – Asti Sempre Uniti 1 (6.5)

Il cammino del Centurini

Valle Mosso – Centurini 1,5 – 2,5
1 – B – Siclari Giovanni N – Guido Flavio 1-0
2 – N – Migliorini Matteo B – Manfredi Vincenzo 0-1
3 – B – Bardone Lorenzo N – Kreuzer Martin 0-1
4 – N – Drago Paolo B – Mollero Michele 1/2

Centurini – Torinese A 2 – 2
1 – B – Guido Flavio N – Sprenger Jan Michael 1/2
2 – N – Manfredi Vincenzo B – Yao Stefano 1-0
3 – B – Kreuzer Martin N – Davi Alessandro 1/2
4 – N – Molina Fabrizio B – Pitica Silviu 0-1

Asti – Centurini 1,5 – 2,5
1 – B – Forno Diego N – Guido Flavio 0-1
2 – N – Gastaldello Lorenzo B – Manfredi Vincenzo 1-0
3 – B – Carfagna Alex N – Kreuzer Martin 1/2
4 – N – Manco David Jonatan Andres B – Molina Fabrizio 0-1

Centurini – Csb Bologna 1,5 – 2,5
1 – B – Guido Flavio N – Damia Angelo 1-0
2 – N – Manfredi Vincenzo B – Begelman Boris 0-1
3 – B – Kreuzer Martin N – Mascellani Marco 1/2
4 – N – Mollero Michele B – Vancini Edoardo 0-1

Torinese B – Centurini 0,5 – 3,5
1 – B – Sorcinelli Francesco N – Guido Flavio 0-1
2 – N – Nardelli Marco B – Manfredi Vincenzo 0-1
3 – B – Villa Alessandro N – Molina Fabrizio 1/2
4 – N – Bergero Simone B – Mollero Michele 0-1

Classifica girone Serie B2 (Santa Margherita)
Pos. Squadra P.ti Sq. P.ti Ind.
1 – Il Libraio – Cuneo A 8 (14.5)
2 – Golfo Paradiso 8 (13,5)
3 – Il Castelletto 8 (13)
4 – Sarzana Torre 3 (9,5)
5 – Sammargheritese 3 (7,5)
6 – Centurini B 0
Classifica girone Serie C3 (Santa Margherita)
1 – Genova Ponente 1 7 (14.0)
2 – Golfo Paradiso A 7 (13.5)
3 – La Spezia 1 6 (12.0)
4 – Centurini C 5 (11.0)
5 – Apuana Soloscacchi 5 (9.5)

Classifica girone Serie C4 (Santa Margherita)
1 – La Spezia 2 9 15.0
2 – Imperia Greenwich Café 9 14.5
3 – Santa Sabina A 5 11.5
4 – Circolo Scacchistico Del Cusio 4 9.5
5 – Golfo Paradiso B 3 9.5
6 – Sarzana Alfiere 0 0.0

Promozione Liguria 1
1 Sammargheritese p. 10
2 Centurini E p. 7
3 Genova ponente p. 6
4 Imperia Torre Bianca p. 6
5 Santa Sabina Rossa p. 4
6 Golfo Paradiso D p. 4
7 Sammargheritese 4 p. 3

Liguria 2 Promozione
1 Genova ponente 3 p. 10
2 La Spezia 3 p. 6
3 Centurini Primavera p. 6
4 Sammargheritese 3 p. 5
5 Golfo Paradiso C 5 p. 4
6 Santa Sabina B 4 p. 4
7 Centurini D 4 p. 2
8 Sammargheritese 5 p. 1

In serie A1, nel girone 1 Varese è stata promossa in serie master, buon risultato di Savona giunta seconda. Nel girone 2 vittoria e promozione di Venezia, con Acqui, dove ha giocato anche Raffaele Di Paolo, seconda in classifica. L’altra promossa dalla A1 alla master è Fermo, mentre Partenopea Jolly e Centro Scacchi Palermo andranno allo spareggio
Campionato Europeo individuale

CAMPIONATO EUROPEO A SKOPJE
Lunedì 18 marzo ha preso il via il campionato Europeo individuale. Sede la città macedone di Skopje, che nel 1972, pochi giorni dopo la vittoria di Bobby Fischer su Boris Spassky, ospitò le Olimpiadi degli Scacchi.
Si gioca fino al 29 marzo, con riposo il 23.
L’Europeo ha formula ‘open’ e sono annunciate in gara una trentina di giocatrici (oltre 350 gli iscritti complessivamente), anche se poi dal 10 al 23 aprile ci sarà l’Europeo individuale femminile in Turchia.
Tra le giocatrici al via a Skopje anche tre italiane, ovvero Desirèe Di Benedetto, Tea Gueci e Maria Andolfatto. La rappresentativa maschile azzurra è composta da Lorenzo Lodici, Daniele Vocaturo, Luca Moroni, Alessio Valsecchi, Pier Luigi Basso, Michele Godena ed Edoardo Di Benedetto.
Si gioca anche per un posto tra i primi 22 che garantisce l’ammissione alla Coppa del Mondo.

MONDIALI A SQUADRE: DOMINIO RUSSO-CINESE
L’edizione 2019 del campionato del mondo a squadre ha visto il dominio della Russia nella sezione maschile e della Cina in quella femminile. Si è giocato ad Astana in Kazakistan dal 5 al 14 marzo. La formazione maschile della Russia ha battuto la favorita Cina al terzo turno. Punta di diamante del team vincente è stato Vladislav Artemiev, che negli ultimi tempi sta facendo parlare molto di se e ha compiuto ventuno anni proprio durante il torneo di Astana. Recentemente ha vinto il prestigioso open di Gibilterra. Al mondiale ha realizzato una performance di 2839 e si ritrova ora a 2746 nel rating fide. Ma molto bene hanno fatto, con lui, anche Nepomniachtchi, Grischuk e Andreikin. Più appannato in prima scacchiera Karjakin. Seconda in classifica finale l’Inghiterra, terza la Cina, quarta la Cina. Fra le donne, alle spalle della vincente Cina si è piazzata la Russia, al terzo posto la Georgia, al quarto l’Ucraina.
Risultati: http://chess-results.com/tnr421064.aspx

THE QUEEN’S GAMBIT NETFLIX SERIE TV TRATTA DA LA REGINA DEGLI SCACCHI
da https://www.tvserial.it

Martedì 19 marzo Netflix ha annunciato che realizzerà The Queen’s Gambit, una serie limitata basata sul romanzo di Walter Tevis pubblicato in Italia col titolo “La Regina degli Scacchi”. Così come il romanzo da cui è tratta, anche la serie prende il titolo dal Gambetto di donna, una delle aperture del gioco degli scacchi più antiche che si conoscono e che consiste nell’offerta del pedone di donna al giocatore avversario per ottenere un vantaggio nel gioco a discapito della (possibile) perdita di materiale.

Sono sei gli episodi di The Queen’s Gambit commissionati. Netflix ha affidato il progetto della serie limitata al regista nominato agli Oscar Scott Frank, che per la piattaforma ha già creato un’altra serie limitata: Godless con Michelle Dockery, uscita nel novembre 2017. Per il ruolo della protagonista è stata scritturata Anya Taylor-Joy (Split e Glass). Scott Frank scriverà gli episodi assieme ad Allan Scott (Don’t Look Now, The Preacher’s Wife), oltre a firmare la regia.

The Queen’s Gambit racconta la vita di un’orfana prodigio degli scacchi. Ambientata durante la Guerra Fredda, la vita di Beth Harmon (Taylor-Joy) viene raccontata dall’età di 8 anni fino ai 22, tra le difficoltà con la dipendenza da alcol e l’ambizione di diventare la più grande giocatrice di scacchi del mondo. Scott Frank e Allan Scott sono i produttori esecutivi della serie assieme a William Horberg (Il talento di Mr. Ripley). Una data di uscita per la mini-serie The Queen’s Gambit non è al momento nota.

IL PICCOLO SENZATETTO CAMPIONE DI SCACCHI

da https://www.agi.it/estero/

Tanitoluwa Adewumi, la cui famiglia ha lasciato la Nigeria per fuggire da Boko Haram, ha già vinto sette trofei. A raccontare la sua storia è il New York Times
Vicino al suo letto, in un rifugio per senza tetto di Manhattan, ha sette trofei. L’ultimo l’ha portato a casa lo scorso fine settimana, quando ha vinto il campionato di scacchi per bambini fino a 8 anni dello Stato di New York. Si chiama Tanitoluwa Adewumi, ha 8 anni e la sua famiglia è fuggita dalla Nigeria nel 2017, tra i tanti nuclei di profughi cristiani che scappano dalle persecuzioni di Boko Haram. A raccontare la sua storia è il New York Times, che lo descrive “camminare verso la sua stanza, trasportando uno strano carico nelle sue braccia. Non riesce a smettere di sorridere perché lo strano carico è un enorme trofeo, quasi grande come lui”.
Un bambino, prosegue la testata, “che ha attraversato imbattuto il trofeo di Stato della scorsa settimana, sbaragliando bambini di scuole private di élite con maestri di scacchi personali”. E “la cosa più straordinaria è che Tani, come è conosciuto, ha imparato a giocare a scacchi poco più di un anno fa. E il suo gioco è migliorato esponenzialmente mese dopo mese”. “Voglio essere il maestro più giovane”, ha raccontato Tani a Nicholas Kristof, l’autore dell’articolo.
Tani, i suoi genitori e il suo fratello maggiore sono arrivati a New York poco più di un anno fa e la loro richiesta di asilo è ancora in attesa di approvazione. È stato nella scuola elementare alla quale è iscritto che il bambino ha incontrato un maestro part-time che ha insegnato alla classe come giocare. Russel Makofsky, il gestore della scuola di scacchi dell’istituto, non ha chiesto il pagamento della retta delle lezioni, che la famiglia di Tani non poteva permettersi. Un anno fa, il bambino ha partecipato al suo primo torneo. Oggi si esercita al computer portatile del padre (che lavora come autista di Uber e come agente immobiliare) ogni sera e, ogni sabato, in un circolo gratuito di Harlem per tre o quattro ore.
Tani ha uno stile di gioco aggressivo e nel torneo statale gli allenatori erano rimasti scioccati nel vederlo sacrificare un alfiere per un pedone”, prosegue il New York Times, “allarmati, hanno immesso la mossa in un computer e hanno riconosciuto che l’azzardo avrebbe migliorato la sua posizione diverse mosse dopo”. “Un anno per arrivare a questo livello, scalare una montagna ed essere il migliore dei migliori senza risorse familiari”, ha commentato Makofsky, “non ho mai visto nulla del genere”.

One Response to Primavera…

  1. Omar Stoppa Marzo 28, 2019 at 11:44 am

    Sono veramente felice per Vince, un titolo strameritato per la passione e serietà che dedica a questo gioco da diversi anni..
    Congratulazioni!

Genova, Campionato Provinciale 2018