Crea sito

SCACCOMATTO DICEMBRE 2016

SCACCOMATTO DICEMBRE 2016

Notiziario mensile del Circolo Scacchistico Genovese Luigi  Centurini (n. 231)

 

buon-2017 

GRAND PRIX DI FINE D’ANNO!

Sabato 31 dicembre grand prix di fine d’anno al Centurini, con la partecipazione di 16 giocatori e la vittoria del MF Dario Brun, che ha superato allo spareggio tecnico Alan Rodriguez, entrambi a 5 su 6. Seguono a 4 Giuseppe Silvestri, Mauro Berni e Davide Cusato. La gara si anima già dal primo turno, quando Brun e Rodriguez, perdendo con Rivara e Cusato, devono iniziare la rincorsa che li porterà a dovere vincere le cinque partite successive, senza peraltro mai incontrarsi. Fino al quarto turno è in testa a punteggio pieno Giuseppe Silvestri, tallonato a mezzo punto da Mauro Berni. Decisivi però gli ultimi due round, che consentono a Brun e Rodriguez di scavalcare gli avversari, balzare al comando e giocarsi il torneo allo spareggio tecnico. La gara si è disputata su sei e non sette turni di gioco, per consentire il rituale brindisi di fine d’anno che auspichiamo possa portare a tutti pace e tranquillità e, perché no, anche successi scacchistici.

Classifica finale
1 Brun Dario                   5,0 19,0 16,00
2 Rodriguez Alan           5,0 19,0 15,00
3 Silvestri Giuseppe      4,0 21,5 11,50
4 Berni Mauro                4,0 21,0 13,00
5 Cusato Davide            4,0 19,0 11,50
6 Badano Giancarlo      3,5 22,0 11,00
7 Rivara Massimo         3,0 19,5 9,50
8 Tanas Carlo                3,0 19,0 7,00
9 Chiesa Giuseppe        3,0 19,0 6,50
10 Dordoni Riccardo     3,0 16,0 4,00
11 Perrone Manuel        2,5 16,5 4,50
12 Tiby Giovanni           2,5 12,0 2,75
13 Mushegiyan Murad  2,0 19,0 3,00
14 Calà Ivan                   2,0 16,5 2,50
15 Picasso Filippo        1,5 15,5 1,25
16 Tiby Marco                0,0 13,5 0,00

Un altro anno col Centurini

wp_20161217_011-800x450

Sabato 17 Dicembre ventitré soci hanno partecipato, dopo il pranzo sociale che si è svolto nel ristorante del Cral, all’assemblea sociale annuale. In apertura relazione del Presidente Faggiani che ha illustrato il bilancio dell’anno trascorso e tratteggiato le linee programmatiche per il 2017. Sono previsti all’interno dei locali del circolo corsi di formazione, che si cercherà di differenziare il più possibile in base al livello tecnico dei partecipanti. Un intervento mirato riguarderà poi il settore scolastico. Altre iniziative promozionali esterne saranno selezionate, come sempre, in base alla qualità e alle caratteristiche in termini di ricaduta positiva per gli scacchi. Confermata la nuova edizione del campionato provinciale che quest’anno inizierà venerdi 27 gennaio, per sei settimane consecutive, e si giocherà per la prima volta negli ampi locali del salone del Cral. A marzo partecipazione delle squadre al campionato italiano. Ad aprile torneo al Novotel, che l’anno scorso ha riscontrato un successo in termini di partecipazione. Un auspicato allargamento del quadro attivo del circolo è naturalmente condizione imprescindibile per incrementare e migliorare l’attività. Viene proposta e accolta positivamente all’unanimità la proposta di inserimento di Davide Cusato all’interno del Consiglio Direttivo. Nonostante l’aggravio dei costi dell’assicurazione obbligatoria per i soci (29 euro), si propone di mantenere la quota sociale a 70 euro.
Nel corso dell’adunanza intervengono diversi soci: Calà, Emanuelli, Maiori, Rivara, Dordoni, Giustini, Nanni, Marceca, Picasso, Massimo Nicora, Manfredi.

Da alcuni soci (Maiori, Calà) viene avanzata l’esigenza di un’ulteriore elasticità negli orari di apertura del Circolo, che ricordiamo è oggi sempre aperto al pomeriggio da lunedi a sabato (domenica e alla sera in occasione di iniziative, corsi, tornei). Da altri (Manfredi) provengono alcune proposte tecniche, fra cui quella, che sarà accolta, di modificare la cadenza di gioco del grand semilampo a 12’+3” . Da altri ancora (Emanuelli) la sollecitazione a invogliare la partecipazione dei maestri all’attività del Circolo. Già la relazione introduttiva e alcuni interventi (Picasso) sottolineano – e l’assemblea condivide – la necessità che la vita quotidiana del circolo sia sempre più improntata alla massima correttezza reciproca fra i soci. Il circolo è una preziosa struttura che trova il suo valore fondante nel rispetto delle regole, nella collaborazione e nell’amicizia.
Al termine, approvati relazione, bilancio e mantenimento della quota sociale annuale a 70 euro.

                wp_20161217_012-800x450
Finita la discussione, si passa alla scacchiera. Il torneo sociale lampo vede la vittoria di Vincenzo Manfredi con 6/7, secondo Andrea Carosso con lo stesso punteggio.

D’Alessandro, Schiappacasse e Biancotti
Nell’ultima riunione del Consiglio Federale, svoltasi a Milano il 26 novembre, sono stati nominati soci benemeriti della Federazione, fra gli altri, Francesco D’Alessandro e Marcello Schiappacasse. Nella stesa adunanza, il Consiglio ha approvato all’unanimità la proposta di nomina a Arbitro Internazionale di Alessandro Biancotti. A tutti le felicitazioni e le congratulazioni del nostro Circolo.

ORA IL PAGNONCELLI QUATER

Domenica 11 dicembre Gianpietro Pagnoncelli è stato eletto per la quarta volta alla guida della FSI, nel corso dell’Assemblea Ordinaria Elettiva. “King maker” dell’operazione sono stati i dirigenti dei maggiori comitati regionali. Entrato nel consiglio direttivo come vice presidente di peso Roberto Rivello, che al termine del quadriennio olimpico (2017-2020) potrebbe ricevere il testimone da Pagnoncelli alla guida della federazione. Il quarto mandato, praticamente plebiscitario, è apparso del tutto scontato, anche perché Pagnoncelli era il candidato unico.
Partecipanti alla Assemblea: 232 società (160 per delega), 35 rappresentanti giocatori e 11 rappresentanti istruttori. Il ‘quorum’ era di 104. Pagnoncelli confermato con 236 voti su 275, pari all’85%.
Sarebbe stata auspicabile la presentazione di una candidatura alternativa in modo da potere dare voce all’insoddisfazione che talvolta emerge nell’ambiente scacchistico e alimentare la dialettica interna. È diventato presidente della Fsi dal 2005, al termine di un lungo e travagliato periodo di lacerazioni interne che avevano determinato il commissariamento della Federazione.
Una delle prossime partite importanti per la Federazione, ma di questo non si è parlato in assemblea, sarà quella che dovrà essere giocata con il CONI, dove è molto probabile la rielezione di Giovanni Malagò, un uomo che negli anni ha intessuto un incredibile rete di potere, e con il quale Pagnoncelli pare abbia buoni rapporti. Alle federazioni minori, come scacchi, bridge e dama, dovrebbe essere proposta la costituzione di una nuova federazione degli sport della mente. Staremo a vedere come gli scacchi riusciranno a salvaguardare una propria autonomia in un contesto nel quale sicuramente la federazione del bridge appare la più potente.
Sono stati eletti nel Consiglio Federale: Antonelli Lorenzo (Vice Presidente Vicario), D’Eredità Giuliano, Evangelisti Claudio, Frigieri Fabrizio, Martorelli Angelo, Merendino Riccardo, Pagano Sergio, Quaranta Gaetano, Rivello Roberto (Vice Presidente), Stucchi Samuele.
Pagnoncelli è nato nel 1950 vicino a Bergamo ma vive a Gorgonzola, in provincia di Milano. È geometra, ha fatto l’agente di commercio e si è avvicinato agli scacchi nell’anno di grazia (per gli scacchi) 1972, in occasione del match Fischer-Spassky. Dal 1993 al 2008 è stato l’organizzatore di uno dei principali festival internazionali italiani, quello di Bratto.

FIERA FREDDA, MA NON CON LAZIC
Da Genova Flavio Guido, Manfredi, Shaban
Giovedi 8 dicembre si è giocato il 31° semilampo Fiera Fredda a Borgo San Dalmazzo (Cuneo), un appuntamento che anche quest’anno ha visto la partecipazione di un consistente numero di giocatori, 128. Sede di gioco, il Centro Congressi Hotel Navize-te, sotto la direzione arbitrale di Alessandro Biancotti. Al termine dei nove turni di gioco, netto successo del GM serbo Miroljub Lazic, che ha distanziato di un punto Nenad Sulava, Pierre Villegas, Nikolai Ninov, Igor Berezovsky, Andjelko Dragojlovic, Flavio Guido, Gianluca Finocchiaro.
Oltre a Flavio Guido, che ha fatto un buon torneo, altre presenze genovesi al torneo: Shaban 13° a 6 punti, Manfredi 14° a 5,5, Poli 28° a 5, Badano 39° a 5, Dordoni a 4 punti, Sabba a 3,5

IMPERIA
Dal 16 al 18 dicembre si è disputato l’XI week end Memorial Ruggieri ad Imperia, presso la sede del circolo in via Carducci. 18 giocatori nell’open A integrale con la vittoria del GM russoi Igor Naumkin a 4,5 (patta all’ultimo turno con Rossi Cassani) Al secondo posto Claudio Mercandelli, al terzo Lorenzo Pedoni, entrambi a 3,5. Mortola e Chiesa Giuseppe 6° e 7° a 3 punti. Roversi 15° a 2 punti.
Nel torneo B riservato agli under 1600 (8 giocatori) vittoria di Hubert Biernacki, con 4,5

SEMILAMPO AL MERLINO: VITTORIA DI OMAR STOPPA

Sabato 17 tradizionale torneo semilampo al Circolo Merlino, con la partecipazione di 38 giocatori. Il MF Omar Stoppa ha vinto con 5,5 su 6. Unica patta con Durdevic, secondo a 5 punti. Poi tre giocatori a 4,5: Collareta, Nikolajevic e Mandolini. Brun, Olivetti, Altieri, Silvestri e Traverso.
La concomitanza dell’assemblea annuale del Circolo non ha consentito la partecipazione di parecchi nostri soci. È stata chiaramente una concomitanza non voluta da parte di entrambe le società, ma determinata da circostanze imprevedibili.

15° Semilampo di Natale a Sarzana

Quaranta giocatori hanno dato vita domenica 4 dicembre al 15° semilampo (12’ + 3”) di Natale , disputato a Sarzana presso il Centro La Missione. Tre maestri fide sono saliti sul podio: vittoria di Grigory Seletsky con 8 su 9, seguito da Alessio De Santis con 7,5 e Claudio Sericano, a 6,5. Con lo stesso punteggio di quest’ultimo Marco Caprino, il nostro Massimiliano Boschi, Mauro Mazzini.
Massimo Menichini è giunto 14° a 5 punti, 24° Biancotti a 4.
sarzanascacchi@libero.it

SAVONA
In 18 hanno partecipato a Savona all’8° rapid Letimbro sabato 10 Dicembre 2016 Ha vinto Giancarlo Badano allo spareggio tecnico davanti a Stefano Damele, Leandro Pesce e Paolo Cardona. Tutti a 4,5/6.
Alberto David campione italiano 2016!
Alberto David riconquista a Roma il titolo di Campione Italiano, che era già stato suo a Torino 2012. Secondo Sabino Brunello e terzo Michele Godena.
Per decidere il campione è stato necessario ricorrere a uno spareggio a quattro, tra loro tre e Pier Luigi Basso (alla fine quarto).
Classifiche, foto e altre informazioni sul sito ufficiale.

Genova, Campionato Provinciale 2018