Crea sito

Kirsan: l’epilogo

By  | luglio 10, 2018 | Filed under: Notiziario

A SCALEA GRANDE PARTECIPAZIONE AI GIOVANILI

Grande successo di partecipazione ai campionati italiani giovanili di scacchi U16, disputati dall’1 al 7 luglio a Scalea (Cs),
L’evento era organizzato da Arca in collaborazione con Le due Torri e l’Accademia internazionale di scacchi.

“Il campionato Italiano Under 16 – ha sottolineato il presidente della Federazione scacchistica italiana, Gianpietro Pagnoncelli – costituisce uno dei momenti più importanti del calendario nazionale della Federazione scacchistica italiana, soprattutto dopo i recenti accordi con il Miur, che hanno ampliato le prospettive di insegnamento nella scuola”.

Da segnalare la presenza al torneo di molti dei migliori giovani italiani. Considerando solo i Top-5 delle
classifiche nazionali delle categorie Under 16 e Under 14 (assolute e femminili) erano ai nastri di partenza ben 14 giocatori su 20:
– U16 Edoardo Di Benedetto, Leonardo e Antonio Loiacono
– U14 Raffaele Buonanno e Francesco Bettalli (Campione in carica)
– U16F Marianna Raccanello (Campionessa U14F), Maria Palma (Campionessa), Lara Scagliarini, Angela Flavia Grimaldi e Nicole Samantha Paparella
– U14F Sara Gabbani, Francesca Garau, Alessandra Scarpa e Silvia Bordin.
C’erano anche gli altri sette campioni italiani di categoria in carica: Nicolò Orfini (U16),
Joshuaede Cappelletto (U12 impegnato nel U14), Giorgio Gola (U10 impegnato nel U12), Marco Lo Piccolo (U8 impegnato nel U10), Elisa Cassi (U12F impegnata nel U14F), Giulia Sala (U10F impegnata nel U12F) e Bianca Pavesi (U8F).

Nella classifica delle Regioni, al primo posto la Lombardia con 151 partecipazioni, seguita dal Lazio (115), Sicilia (105), Emilia Romagna (93) e Toscana (77).
La provincia più rappresentata è stata quella di Roma, seguita da Milano, Palermo, Treviso e Napoli.

Al termine della manifestazione, sono stati assegnati i dieci Titoli Nazionali Giovanili, Assoluti e Femminili.
Vediamo i primi tre classificati dei dieci Campionati Giovanili 2018

Under 8 Albert Artissi Manfredi La Barbera Gabriele Serea
Under 10 Nicolas Perossa Danilo Brozza Roberto Alessio Zoncu
Under 12 Claudio Paduano Brando Pavesi Alessio Musso
Under 14 Kirk Kacani Leonardo Bolognese Franceso Bettalli
Under 16 Leonardo Loiacono Antonio Loioacono Edoardo Di Benedetto
Under 8 F Bianca Pavesi Giulia Rossetti Ingrid Nicole Neacsu
Under 10 F Sara Annamaria Serban Elena Cammalleri Emma Fabbrucci
Under 12 F Giulia Sala Anna Gomirato Maria Vittoria Galli
Under 14 F Sara Gabbani Melissa Maione Kamilla Rubinshtein
Under 16 F Maria Palma Marianna Raccanello Angela Flavia Grimaldi

LA LIGURIA

I giocatori liguri erano accompagnati dal delegato reginale Raffaele Di Paolo, Alberto Mortola e Alessio Dritsakos.
Per tutti è stata un’esperienza altamente formativa che certamente sarà destinata a
dare i suoi frutti nel futuro

Tommaso Bricola (Centurini)
Lorenzo Danesi (Santa Sabina)
Gabriele Delucis (Imperiese)
Ludovico Delucis (Imperiese)
Viola Delucis (Imperiese)
Dario Demetri (Santa Sabina)
Federico Massazza (Spezia)
Martina Parodi (Imperiese)
Matteo Parodi (Imperiese)
Andrea Roveda (Santa Sabina)
Riccardo Sensoli (Sammargheritese)
Libero Michele Zunino (Imperiese)

Fra i genovesi va considerato anche Rocco Vairo, associato però con la Milanese, giunto 41° a 5,5 su 9 nel torneo under 14 (157 partecipanti), dove in gara c’erano anche il nostro Tommaso Bricola (4 punti) e Lorenzo Danesi (3 punti). Nell’under 16 assoluto Dario Demetri è arrivato 50mo su 116 a 4,5 punti (in gara anche Andrea Roveda e Riccardo Sensoli)

FINISCE L’ERA ILYUMZHINOV

Finisce dopo 23 anni l’era di Kirsan Ilyumzhinov a presidente della Fide. Il 27 giugno è giunta la decisione della potente Federazione russa di appoggiare ufficialmente la candidadura di Arkady Dvorkovic, ex vice mministro del presidente del governo russo. La posizione del calmucco si era incrinata già nel 2005 quando era stato inserito nella “lista nera” del governo Usa per avere fornito appoggio al governo siriano. Da allora di fatto il presidente era stato sostituito da Georgios Makropulos, che ne ha fatto le veci. Il colpo di grazia è venuto nel maggio scorso dalla banca svizzera UBS che ha congelao i fondi della Fide proprio a causa della presenza del calmucco nella “black list”.
A Batumi, il prossimo 3 ottobre, si terranno le elezioni del nuovo presidente, al termine della 43ma edizione delle Olimpiadi. Candidati ufficiali a questo punto risultano lo stesso Makropulos, l’inglese Nigel Short e ora Dvorkovic. Il quale ha dichiarato: “Mi aspetto che Ilyumzhinov mi sosterrà. Anche se non è nel ticket (non ci può essere più di un rappresentante per Paese!) diventerà in qualche modo comunque un membro della mia squadra. Spero davvero di approfittare della sua vasta esperienza e credo che questa possa essere usata come base per lo sviluppo degli scacchi.”
Anche in questa occasione sarà interessante vedere l’orientamento della FSI, che da questo punto di vista non è mai stato troppo trasparente negli anni passati, preferendo una posizione defilata di astensione che di fatto è andata ad appannaggio del discusso Ilyumzhinov.
Nell’ultima riunione del Consiglio Federale, che si è riunito il 23 giugno, il segretario generale ha comunicato che il presidente Pagnoncelli (assente giustificato alla riunione) “dichiara di aver scambiato alcune mail con Makropoulos, candidato alla Presidenza FIDE per le prossime elezioni”, senza peraltro specificare alcunchè sul contenuto di questa corrispondenza.
E poi sul verbale è scritto: “Per il punto 4 di cui all’odg, il CF prende in esame la posizione dell’Italia per quanto riguarda le elezioni della FIDE. Il Vicepresidente Rivello relaziona in merito alla situazione attuale della FIDE. Visto il quadro elettorale in continuo mutamento, il CF dà pieno mandato al Presidente di decidere nel migliore interesse della FSI per quanto riguarda il voto in Assemblea Generale della FIDE. Il CF approva all’unanimità. (delibera n. 36/2018)”
Francamente, questa posizione ci lascia abbastanza perplessi. Su quale linea e valutazione la FSI esprimerà il suo voto?

AL CONSIGLIO FEDERALE IL RICORSO DEL CENTURINI

Il Consiglio Federale nella seduta del 23 giugno ha preso in esame il ricorso presentato dal Centurini, avverso la decisione del Direttore nazionale del campionato italiano a squadre, con la richiesta di penalizzazione della squadra Chess Projects Wizard, avversaria della squadra dell’ASD Centurini al primo turno del CIS 2018 – serie C girone 3.
Il Consiglio, pur esprimendo alcune valutazioni di merito (sulle quali torneremo presto), non ha respinto il ricorso ma lo ha dichiarato non ammissibile per difetto di competenza.
Inoltre, “tenuto conto, inoltre, della peculiarità della questione, in ordine alla quale non sussistevano precedenti, nell’esercizio di una valutazione equitativa sul punto, appare possibile disporre la restituzione alla società ricorrente della tassa versata all’atto della presentazione del ricorso”.
Sul prossimo numero del notiziario, riproporremo nei dettagli quanto accaduto, con il commento e la puntuale valutazione del Circolo.

Genova, Campionato Provinciale 2018